Tu sei qui: Home Vivere a Diamante Turismo Diamante Borgo Marinaro Diamante si racconta
Stampa 

Diamante si racconta

Poesie in dialetto di Antonio Magurno- Prof. Antonio Magurno, diamantese doc, cultore di studi classici, testimone credibile di valori cristiani, umani, sociali, familiari. Un poeta che canta umili eventi. Di diamante ha sposato un rione, il Torrione, simbolo del paese, e ne ha fatto un osservatorio umano, cristiano, sociale, politico

Patrima è Marinar


PATRIMA E' MARINARU

Patrima è marinaru e alla 'ntrasatta
Vutta la varca a mari ppi piscà
Sardelli, angioli, alici e capuchiatta,
can u figli alla casa, hanna mangià!

Ma, quannu u mari è grussu, o puri a rizza
Trova bacanta doppu d'u lavuru,
perda la capa pp'a raggia e la stizza
e s'a piglia cch'i Santi e cc'u Signuru.

Fa mali, certu, e si ca tena turtu:
ch'a jistima non cangia propriu nenti;
doppu cci penza e non mi guarda sturtu
e torna cchiù tranquillu e sorridenti.

Ppicchissu u vugliu bbeni: cha mi guarda
Cumi sulu papà mi sa guardà
Ca m'accarizza quann'a sira tarda
'u vasu, prima di mi ji a curcà.

E mò ca vai a mari, cchi ti dicu,
papà, ca sugnu troppo piccinina
Ti vuogliu bbeni! e jè nu bbeni anticu,
ch'i poeti hanu scrittu ccu la pinna!

Nu vasu mprunta, ppi ti fa scurdari
A fatica, i pinziri ed i suduri.
Ti vuogliu bbeni quant'è grann'u mari!
Ppi ttia u cori miu sbatta d'amuri !!!


LA LEGGENDA DEL VELIERO

Viliava ppi mari nu vapuri diretto, pari, alla Sicilia bella e l'hanno vistu fermu i piscaturi, allu largu, di frunt' all'isulella.

Smaniava nquitatu u capitanu è pariva nu pacciu ppi daveru; non s'u spigava chillu fattu stranu: ppi tutti era n'arcanu...nu misteru!

Su juti tutti quanti i diamantini, cch'i varchi, mprucissiuna e ncumpagnjia, cc'u privatù e le capu d'u pajsu, dicinnu patrinustru e avimaria.

Cùnta'anziani e cchiù s'u ricorda ca c'era nata la stiva, arravugliata nta nu linzulu, strittu cc una corda a statua d'a Madonna Mmaculata. Senza nemmen'a sciogli, nginucchiati cumi figli di prima cumuniuna, ccu l'anima e lu cori hanu prigata pp'avì saluti e e paci e prutizziona.

Resta ccu nui, Madonna; ti prigamu: rigina ti facimu di sta terra, si tu mi scanzi, (chistu ti circamu), da tirrimotu e pesti e da la guerra. E la matina doppu, maramija! A Madonna u miraculu l'ha fattu: u mantu ccu jiditi tinia ppi fa capì ca stavvidi allu pattu.


Spiaggia piccola


A SPIAGGIA PICCULA

'Na spiaggia... fatt'a furma di divanu, cch'i scugli ca ni fanu da spallera! A chiamanu u salottu pajsanu.... tantu ch'è bella non mi para bera!

N'anculillu cchiù bbillu, adduv'u truvi? Na rina, siminata di 'mprilluni, ccu bagnanti ca tòrnanu o su nùvi; quatrari e bicchi, misi all'arrunzuna.

Chini jòcadi a carti o allu palluni... chini si tuffa... alcun murmurija Ca nu giuvinu vasa na guagliuna... i piccinini, vòn'a parmidija.

E n'acqua...! Sempri lustra e trasparenti ca vidi i petricelli e su mpunna... c'è tuttu!!! Nonn'i manca propri nenti. Cumi nu vasu t'accarizza l'unna !!!

Ni canuscimmu tutti: simu amici; ni guardàmu e ni spuntid'u surrisu. Puri si stammu stritti cumu alici, ppi nnui... è n'anculillu i paradisu!!!



Il MOSAICO DI VIA TASSO. Illustrazione dei quadri che compongono il mosaico di Michele ed Angiolina Sposito da Ferrara, sulla parete esterna della chiesa Madre, in via Tasso.

Mosaico


IL MOSAICO DI VIA TASSO

S'ancuna vota vai vers'u Timpunu
d'a Chjsia, amicu, fermat'allu vicu
c appi testi di juri e lu campiunu
di tutti i vichi di stu borgu anticu.

Quannu ti truvi sutt'u campanaru
Spalanca l'ucchj a guaed'avant'a ttija:
ti sinti traspurtatu paru paru
nt'u munnu di pittura e d'a poisija.

Di lignu e firru c'è n'impalcatura
Da nterra fin'assutt'i ciarameli;
n'umminu cc'a mugliera ci lavura:
jlla è Angila, u masculu è Micheli.

Ppi misi misi hannu girat'u munnu
Circannu petricelli culurati;
a notta hanu pirdutu pur'u sunnu,
ma nu quatru assai billu hanu pittatu.

Ccu na pacinzia e nn'arti cirtusina
Nt'u muru i petricelli hanu ncullati
E cuntanu na storia sopraffina
Ch'ànu mmintata sulu maghi e fati.

là cchi bidi?
Nu vuiu ccu lli corna
Cumi chillu d'a grutta d'u Rimitu,
i zappaturi Vommicinu sforna
ca scinnin'allu mari prifiritu.

Non pasciunu cchiù picuri né crapi,
non tiranu cchiù u ciucciu pp'a capizza;
né siminanu vrucculi di rapi,
ma vanu a mmari e tirano na rizza.

Nu jurnu arriva allu Caricaturu
Na paranza e si fermidi: alla rina
Ha da scinni a Madonna; i piscaturi
Patruna a fanu subitu e Riggina.

Cchiù sutta: i varchi, cch'i rizzi ed i lampari
E marinari stracchi pp'u lavuru;
c'è na guagliuna allu fragu d'u mari
ccu n'aragusta ca cci fa l'amuri.

Na finestra ch'è china di misteru
Fa bbidi nu brillanti appizzicatu
Quasi a nu filu e paridi daveru
ca sta ppi cadi nterra spizzicatu.

Artista a nunni ni dadi na lizziuna
ca veramenti s'ha da teni a mmenti:
Diamante è billu cum'è bella a Luna,
ma allu fa bruttu mò non ci vò nnenti.

Cc'firru e cc'u cimentu i piscicani
Tanti billizzi ormai hanu guastati;
mo cci hanu gnunti pur'i mazzacani
nt'a spiaggia granna e simu cchiù fricati!
Si c'è alcun ca vò bbeni a stu pajsu.

Non rimanissa tuttu cittu e mutu:
st'angulillu di veru Paradisu
hàma difenni prima ch'e pirdutu.

Sinnuncu cunzigliri ed assissuri,
genti di pinna, fimmini e quatrari,
nonn'i vulimu cchiù, nò, sti brutturi
cà Diamanti ha da resti senza pari!!!

 

Informativa ex Art.10 Direttiva n. 95/46/CE, Direttiva 2002/58/CE, aggiornato dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Il sito www.comune-diamante.it o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti l'uso dei cookie.

Approvo